ponciach@associazionevalleaperta.it

Poesie

Poesie

BASTA

Sono arrivato al capolinea
e dico basta,
eppure ho tanta strada
da fare ancora.
Perché il mio cuore
non rallenta i battiti,
perché vuol vivere
se io dico basta.
Perché gli occhi
si aprono al mattino
se io dico basta.
Perché le mani si tendono
verso il pane
se io dico basta.
Perché cammino,
parlo con la gente,
se io dico basta.
Lasciatemi andar via
se io dico basta.
Adesso…basta
voglio vivere
rinascere ogni giorno,
imbrigliare fra le dita
la mia giornata,
no, come farfalla,
la Vita non è fuggita via.
E’ l’ora di lottare
di svegliare il Tempo,
di cercar l’Amore.

E.A.

SERENITA’

Silenzi,
gesti ovattati, lenti dolci,
penso ad un incontro,
al primo, tanto tempo fa.
Una ragazza mi sorrise allora,
poi la vita mi dette agitazioni,
tanti pensieri,
e ora vivo nel tempo della serenità.
Tutto si è calmato,
la fanciulla si è trasformata in dolcezza,
non è più tempo di pensieri strani,
ma come le onde del mare
il giorno porta ad un altro giorno
il dolce declinar della mia vita
la preghiera ne dipinge il senso
Dio la trasforma a poco a poco
nel desiderio dell’amore eterno.

E.A.

FOGLIO BIANCO

Futuro tempo di Dio.
E’ bello pensare
che il futuro è un foglio bianco
dove scriviamo:
i desideri, le speranze, i rifiutati dolori,
le preghiere della disperazione,
le delusioni, gli innamoramenti,
le luci, i colori, i profumi,
le carezze, i baci, gli abbracci, i sorrisi.
Dopo, Lui, il Signore
sul foglio scritto corregge una data,
riscrive un desiderio,
asciuga una lacrima,
accende una luce negli occhi,
smorza un’angoscia
e fa risplendere di Luce
il foglio del Destino.

E.A.

UNA PREGHIERA

Mi lacrimano gli occhi
Signore Gesù insegnami a essere più buono
e ha essere più umano.
Sono tranquillo quando leggo le Preghiere,
mi danno pace e conforto.
Tu sei simpatico,
ne hai combinate di tutti i colori
e hai sofferto molto sulla croce,
perché amavi gli uomini e le donne
sulla terra e i bambini.
Grazie Signore Gesù di avermi messo al mondo,
per le montagne, gli alberi, il mare,
la mia casa, e tutte le cose belle.
Signore Gesù grazie: con il sorriso.

C.G.

UN MAIALINO

C’era una volta un maialino, un maialino piccolo che stava con la mamma.
Viveva nel Recinto assieme agli altri maiali. Mangiava patate, il siero del latte, mangime, barbabietole, pane, avanzi della polenta.
La sua mamma gli vuole molto bene, però il maialino è molto grazioso.
Il maialino diventa grande e lo uccide per mangiare la carne le persone.
Mangiano il prosciutto, braciole, lucaniche, la pancetta, speck.
La sua mamma dispiace molto che hanno ucciso il maialino.
La sua mamma è orgogliosa perché il maialino ha dato da mangiare a tante persone.

C.G.

LE DONNE

Vogliono sempre avere ragione. In qualche capitolo che loro non sanno, dove spiegarsi per riuscire a rismettere le loro riflessioni.
Pregi: è sempre interessante che sia bella e brutta, però ha sempre una base di essere matura per riflettere le sue capaci.
Difetti: quando aprono il colore rosso è un livello che si aggrappa solamente alle voglie di un passato.
Conclusione: w le donne belle e brutte!

O.T.

VOLO SUL CANTO LIBERO

Pace a te mio dono cuore
dove il mio canto libero,
dove il fiume corre sulle gote tue.
Prendi il mio cammino sul tuo cavallo.
Risparmia il dolore che ti conduce alla luce della mia penna grigia.
Verso il sole apri la tua luce piena di silenzi.
Immagina le ali verso il mondo così pieno di pace
A me quanto spezzi. L’albero per dirti quanto sei bella.
Vai a quel tramonto a zig zag
Respingi la tua vita spezzata.
Apri il tuo mondo.
Affascinante così.
Con il tuo vento.
Spezza la tua bontà, non essere infelice come la mia speranza.
Con le gote tue cancella la speranza di te stessa.
Il volo viene da sé.
Dormo aspettando di essere felice. Con me stesso.
Riempie la mia gioia camminando verso la strada.
L’universo contesta la luce nei miei occhi.
Riposa verso le stelle.
Apri il tuo dono da dove sei venuta.
Cancella lo spazio. Divino.
Io sarò il tuo fianco, quando l’albero cadrà,
mettiti il tuo coraggio a piedi nudi.
Riposa le tue ali sopra al tuo orgoglio. Di felicità.

Alce Nero.(O.T.)

SILENZI

Silenzi inopportuni.
Sui binari quasi incandescenti,
ma da lì a poco spunta un fiore.
E più in alto il cielo si smarrisce.
E ovunque corre il treno della vita,
non proprio come i secoli già vissuti,
ma sempre a propria immagine.

L.F.

OGGI SONO TRANQUILLO

Oggi mi sento tranquillo perché ascolto la mia musica.
Sono tranquillo e appassionato.
Ascolta anche tu, spesso, la musica;
la musica rilassa musica allegra e non triste.
Pensa all’avvenire.
Pensa a un domani che non sia drammatico,
ma che sia sufficientemente spensierato.

P.C.

SPENSIERATEZZA

Spensieratezza nel tuo vivere
vorresti fosse sempre così
ma i cieli sono neri
E ti metti in strade bianche di speranza
Sperando tutto abbia un fine.

S.P.

SOFFERENZA

Pensavo vivere fosse semplice
Invece i bui sono tanti
La sofferenza ti supera
E vorresti solo dormire
Dormire a lungo
Dove non si prova niente.

S.P.

GIORNO

Il tuo giorno sta per nascere
Solo la tua tranquilla abitudine,
ti porta a coglierlo,
tiri i freni della pazienza
e rivolgi il tuo sguardo
verso speranze nuove.
Fai sempre sogni ad occhi aperti.

S.P.

VIVI

Vivi una vita frenetica senza tregua,
datti tempo e evita le storie di fantasie,
cerca di metterti nel posto giusto
e non tremare vicino al mare,
anche se la paura non c’è.
Ma ascolta il vento
e passa le tue stagioni
vicino al tuo tempo.
Ricordi del passato
che tornano alla mente.
Cancella tutto e vivi.

S.P.

PARADISI

Paradisi nascosti
vite passate
a sperare
ricordi tristi
insieme di emozioni negative
tutto volge a suo termine
la morte non fa paura

S.P.

POESIA

L’aria sfiora la tua pelle
Le tue labbra rimangono chiuse
Senti la tua vitalità che era nascosta
Le tue paure scompaiono
Alzi il capo e vedi l’immensità.

S.P.

SPERANZA

Il tempo passa e lo viviamo.
Resta la speranza.
L’amore si vive amando.
I bambini giocano in cortile non pensando al dolore.
Troppi ricordi raccolti in un attimo.
Passiamo il tempo sempre in avanti, sperando di raccogliere speranze.
La vecchiaia ci nuoce e purtroppo si muore.
Il dubbio rimane vivendo e non si capisce il perché.
La vita dolce è raccolta in un attimo breve.

S.P.

VITA

Toccata o rubata?
Ma che importanza ha?
Nonostante la tua idea
te la spassi vicino ad un mondo
che sta in piedi per colpa o per ingegno.
Sogna pure ad occhi aperti,
ma la nave continua a navigare,
ma, la direzione è sempre quella,
distante dal tuo corpo e dai tuoi colori neri,
come fosse un gioco.
Ricordi di lune perse a vegliare il giorno.
La tempesta si è dispersa tra i tuoi ricordi.
Le tue idee stesse grandi da pensare,
piccole da avere.
La notte è scesa ed il tuo sguardo è spento. Ricorda che per poter godere
ci vuole di più di un semplice piacere.
Ci vuole il dritto passaggio tra fantasia
e ritiri dei tuoi strani mondi, andati troppo avanti. Ora basta, sono solo un po’ lento, e devo sfuggire.

S.P.

GIORNATA

Nella tua ombra vedi il tuo passato
fatto di ricordi e di rimpianti.
Vorresti ricominciare tutto,
ma nel modo diverso.
Il tuo cuore è come il cielo,
sempre caldo come il sole.
Il tuo pensiero è sempre confuso,
le tue gambe, lente e fiacche.
Le tue lacrime
sono come il mare in tempesta.
La neve cancellerà le tue fatiche
e ritorneranno giorni felici,
come in un ricordo
di giornate festose.

S.P.

UMANITÁ

Per andare avanti bisogna agire
E fare il possibile per stare bene.
Primo: devi essere su di morale.
Secondo: socializzare.
Terzo: bisogna cercare di scoprire le cose piccole che sono le più importanti.
Quarto: devi accettarti come sei.
Sesto: impara a dare perché è giusto e c’è più gioia nel dare che nel ricevere.

G.M.

LA PACE

La pace “shalom” è una parola breve,
ma uno stato d’animo
non facile da conquistare e da mantenere.
Io posso stare in pace con tutti,
ma non avere la pace in me stessa.

A.F.

PER ESSERE CONTENTA

Per essere contenta
Ci vuole il sorriso,
non solo sulle labbra,
ma anche nel cuore.
Ci vuole compagnia
Che ti dà allegria,
ma anche tu
devi portare gioia.

V.R.

PENSIERI

L’essenziale non è essere importante,
ma credere nell’importante.
Il sole sorride al cielo azzurro
E le stelle e la luna alla notte oscura.
Il giorno trasmette notizia alla notte
E la notte porta in se il segreto del giorno.
I fiumi hanno voglia del mare
E i fiori la voglia dell’alba.

M.S.

IL SOLE

Il sole è tramontato
Ma io non sono stanca di vederlo
Negli occhi della gente,
anche perché ho capito
che tutti hanno bisogno di lui!

C.T.

GHE N’O’ MASA PER LA TESTA
Ghe n’o’ masa per la testa
E no so endove mirarle tute.
No gò speranza, no gò futuro, no gò gnent!
Al cimitero o en galera,
no so endove me porterà el futuro.
Per adess son qua, po vedem.
Son revers come en calzot lustro
E auguro che la bona vita la me va avanti ben.

G.M.

NAVE

Nave imbarcata
pioggia tempestosa
le mani bagnate
di lacrime di gioia

G.V.

IN ME

Figlia dei fiori
stella di luce
anima d’amore
Da dove giungono queste lacrime?
Perché non ritrovi in te stessa
la forza potente di vivere questa vita?’
la vita…
E’ difficile affrontarla con cuore e carisma
ma tu sai bene come farlo
e non ti mettere a compiangerti
perché tu vali anche solo per te stessa
E vero che molti non comprendono le tue scelte
ma chi se ne frega degli altri, ditelo!
Tu cadi ma poi per la foga di vivere i tuoi sogni
ti rialzi e cammini

G.V.

ESSERE SPECIALI

Essere speciali
è perchè spieghiamo le ali
e voliamo dove ci porta il cuore
con passione e decisione
con amore e purezza

G.V.

BLU

Come il cielo d’estate
come un colore d’arcobaleno
come il desiderio di volare e cantare
come l’oceano pacifico e immenso
Se aprissimo le braccia verso il cielo
ci sentiremo più uniti per trovare
più giustizia in questa terra
Noi che siamo vivi rincorriamo l’amore che è Dio
che proprio lui
ci abbraccia ovunque siamo
con il colore del cielo blu

G.V.

IL SOGNO DI UNA CASA

Casa dolce casa
Dove sei se non altro dentro di me
Casa dei dolori
Voglio curarti e lasciarti la cattiveria per strada
Casa dei rimpianti
Un ricordo lontano di a un amore breve
Casa di speranza
Se sei per me non abbandonarmi
Casa dinamica
Forse non sei come ti immagino
Casa dolce casa
Ovunque tu sia sei molto importante per me

G.V.